Articoli

Utenti registrati: 23095 - Utenti online: 528

ARTICOLI

DONNE DISPONIBILI E... salute mentale !

Relazioni umane - 14/07/18 - Autore: icsuntleones -
Da tempo vado riflettendo sul valore acquisito nei secoli ( è proprio il caso di dire ) dal cossidetto "mestiere più antico del mondo " , fino ai nostri giorni!
Quella che vado proponendo, è una discettazione sulla utilità che una tale disponibilità delle donne - che scelgono tale "mestiere" - finisce con l'avere in maniera spesso determinante sui comportamenti maschili ( purtroppo, come dalle cronache rilevato, troppo spesso sconsiderati e schifosamente violenti ).
Immaginiamo infatti, se queste ragazze, donne, professioniste del sesso, o come diavolo volete chiamarle, non fossero così disponibili. O che addirittura non sia mai esistito tale mestiere ( ipotesi del tutto utopistica direi, sia per la natura femminile che quella maschile, dell'essere umano ).
Riusciamo ad immaginare un mondo dove nessuna donna sia disponibile, per denaro, a "donare" ( diciamo così) le sue grazie, magari anche coronate da un tantinello - quando sia pur raramente accade - di femminile e generosa umanità e dolcezza? 
Stando alle statistiche rilevate a suo tempo da alcuni colleghi della psichiatria italiana ( ma non solo ), oggi, il 50/55% della popolazione risulta potenzialmente psicotico ! ( attenzione a non confondere il termine psicotico, con altro di più indicativo di serie o pericolose patologie come la schizofrenia grave, la paranoia dissociativa grave et similari, dato che esso è un termine che definisce le psicosi nella loro generalità: dalle più lievi e comuni alle più complesse e pericolose per la società ). Stando infatti a queste rivelazioni, una enorme massa di persone, possono essere affette da disturbi del comportamento e della personalità, che vanno - per fare degli esempi - dal semplice "tic" ( frutto di nevrosi non grave ), passando per le nevrosi più o meno ossessive  ( es. disturbi da attacchi di panico, ansia associata a disturbi di evitamento, fobie acute più o meno gravi, etc ) , per arrivare financo ai disturbi , cosiddetti, tipici della personalità, come il tristemente noto bipolarismo; il quale nella sua forma più grave associa anche compulsività e o schizofrenia più e meno grave.
Ma, tralasciando ulteriori noiose elencazioni delle patologie possibili esistenti e inquadrate dalla moderna , e non, psichiatria mondiale, vorrei tornare a porre l'accento sul tema innanzi proposto. Perchè , qualcuno si chiederà, questo tizio, sta parlando di queste cose, essendo partito dalla questione del mestiere più antico del mondo ?
E' evidente, come nel caso della personalità maschile, la possibilità di riferirsi al mondo della prostituzione, quanto più questa disponibile a mostrare anche una certa dose di umanità ( da non confondere, attenzione, con la affettività , dato che quest'ultima porrebbe, in ultima analisi, seri problemi di gestione - a livello psichico/emotivo della quotidianità della donna che si esponesse a ciò, nell'ambito della sua funzione di "prestatrice di opera attraverso un corpo fisico"), funga da elemento altamente ammortizzante, quando non decisamente affievolente o annullante, qualsiasi potenziale manifestazione compulsiva della rabbia e della aggressività del maschio, nella sua quotidianità sociale e non. 
Cosa vorrebbe alludere, dunque, tutto quanto sopra indicato e scritto?
Vorrebbe alludere ad una , certo più che fantasiosa ipotesi, quasi utopica (  ma solo quasi, in fondo ), consistente nella possibilità per una società civile avanzata ( sia nella coscienza che nella morale, ) di volere organizzarsi a  fornire gratuitamente un tale "servizio". Occupandosene lo stato ( un pò come i farmaci di classe A, cioè i cosiddetti mutuabili ), anche attraverso una ottimale - quanto indispensabile - organizzazione dei servizi sociali e medici coinvolti. E, questo, per gli ovvi motivi socio-economici che verrebbero ad esssere centrali per la questione proposta. Non si potrebbe certo fornire tale servizio gratuito a tutti. Ma prevederlo solamente pe rle fasce di popolazioni meno abbienti, a rischi di povertà o già in tale condizione.
Riuscireste ad immaginare una simile organizzazione sociale ? E quali e quanti risvolti positivi, questa fornirebbe alle persone nella loro, appunto, socialità? Pensateci....
E pensiamo dunque, alle nostre ragazze, qui coinvolte, da questo bel sito, così ben gestito.
Loro non fanno certo il mestiere, per così dire, nella sua completezza; ne si può dire che le prerstazioni massaggifere che ci offrono siano in tutto e per tutto assimilabili a quelle di una vera e propria prostituta di professione.  Ma quanto utili sono alla nostra natura maschile ? La quale,così gradevolmente - chi più chi meno - e appagantemente vissuta, determina sicuramente, ancor di più,  in coloro che non soffrono di alcun disturbo psichico, come sicuramente la maggior parte qui fra noi, partecipanti del sito,  maggiore equilibrio psico fisico. Maggiore serenitàminore quantità di frustrazioni a carico del nostro vissuto quotidiano generale. Fattori questideterminanti la potenzialecomparsa o meno di patologie del disturbo psico affettivo -.comportamentale.
Cari saluti a tutti !
                                                                  Icsuntleones